lunedì 16 maggio 2016

Zucchine tonde ripiene di scamorza e prosciutto di Praga

Questo tempo mi sta inibendo gli stimoli culinari. Il grigiore primaverile mi mette KO e nonostante abbia cucinato tante cose buone e belle, la macchina fotografica è rimasta nel suo angolino a riposare.
Il sole di oggi mi ha fatto riprendere la macchina fotografica e riportato alla mente alcuni piatti preparati poco tempo fa quando davvero sembrava primavera.

Intanto, nell’attesa che torni sul serio la bella stagione, una ricetta adatta a tutti, anche ai bambini.
Ingredienti per 4 persone
4 zucchine tonde
200 g di prosciutto di Praga
150 g di scamorza bianca
Prezzemolo q.b.
Sale fino q.b.
Olio extra vergine di oliva q.b.
Pane grattugiato q.b.
1 cucchiaio di parmigiano
Procedimento:
Accendete il forno a 180°.
Lavate e asciugate le zucchine. Dividetele a metà eliminando prima la parte superiore (basta poco). Con delicatezza e l’aiuto di uno scavino o di un cucchiaino, scavate le zucchine facendo attenzione a non rompere la buccia esterna che servirà da “contenitore”.
Salate leggermente i contenitori di zucchina e metteteli in forno per 20 minuti a 180°  con un filo di olio.
Intanto, in una padella, fate scaldare qualche cucchiaio di olio e rosolate la polpa delle zucchine (se sono pezzi troppo grossi, tagliateli in piccola parti per velocizzare la cottura), aggiungete un trito fine di prezzemolo e salate. Fate cuocere per circa un quarto d’ora, la polpa deve essere morbida e umida, perciò non alzate troppo la fiamma.
Mettete nel mixer la polpa di zucchine con la scamorza tagliata a cubetti. Versate in una ciotola e unite anche il prosciutto tritato.
Mescolate bene e se troppo umido aggiungete il parmigiano.
Riempite le zucchine, nella superficie mettete un po’ di pane grattugiato e un filo d’olio. Infornate a 180° per circa 20 minuti o a doratura desiderata.
Sfornate e lasciate riposare qualche minuto. Servite a piacere caldi o tiepidi.
Ottimi anche freddi, magari da portare in un picnic.



venerdì 11 marzo 2016

Idee per la Mise en place di primavera

                           

La stagione più bella, più piacevole e fiorita dell’anno. La stagione dei pic-nic e delle prime gite all’aria aperta. La stagione della tavola colorata e allegra.
La stagione che amo di più con le margherite, prati verdi, frutta e verdura di tanti colori, l’allegria che ci riempie il cuore. Tutta questa allegria io la porto in tavola con una mise en place che è sempre stata la mia passione insieme alla cucina.
Abbinare la tovaglia con piatti, posate e tovaglioli, la cura nella scelta dei bicchieri e del centro tavola usando creatività e semplicità, sono le basi per una tavola perfetta.

Per la mise en place diprimavera i colori chiari e con piccole decorazioni floreali  sono sicuramente quelli che preferisco.
La tovaglia o il runner li consiglio con toni chiari e magari con dei pois o dei fiorellini con colori tenui e a contrastare dei tovaglioli con tinte unite con tonalità più accese e vivaci.
I piatti anche loro con tonalità chiare magari con un sottopiatto in tinta unita con un bel colore che riprende il tovagliolo che metterete accanto accompagnato da posate a vostra scelta acciaio, argento o con i manici colorati ma sempre in tinta. Magari, poiché il tovagliolo ha colori accesi, le posate potete sceglierle con dei colori tenui che potrebbero avere anche delle sfumature.
Idem i bicchieri, trasparenti per non osare troppo con i colori e non eccedere, ma se avete scelto piatti bianchi o chiarissimi un bel bicchiere di colore chiaro che riprende il tovagliolo lo trovo molto carino.
Per centro tavola una cosa molto semplice, soprattutto che non sia troppo grande, dei piccoli vasetti con dei fiori delicati (io amo le margherite) o delle composizioni di frutta e fiori con dei bei colori accesi ma con due o tre elementi al massimo, ad esempio fragole e margherite, o mele verdi e ranuncoli colorati. Tutto sempre in piccole dimensioni per non riempire troppo la tavola.

Ecco, adesso mi è venuta voglia di fare un bel pranzo di primavera e mettere in pratica queste idee.
Magari me ne vengono fuori altre da condividere con voi!  


mercoledì 10 febbraio 2016

Mini crostatine al cacao

Ho usato lo stampo in silicone della Pavonidea
Crostatine! Crostatine come se non ci fosse un domani! Crostatine in miniatura per accontentarne tanti e per far felice la mia mania per il finger food! Ok in versione dolce, ma finger! Sicuramente per la buona riuscita di questi dolcetti, è stata la collaborazione del mio treenne che da bravo bimbo mi ha lasciato “giocare” in cucina senza chiamarmi ogni 5 minuti. Certo, ogni tanto si affacciava per rassicurarsi che ci fosse qualcosa anche per lui, con la sua vocina tutto carino mi chiedeva: mamma anche a me tante? :D
Come faccio a dire di no a questo monello travestito da angioletto? Non si può!
Poi erano con le sue confetture preferite, frutti di bosco, pesca e ciliegie, per non parlare di quelle con la marmellata di arance! Strabuone!
Ho finito le mie confetture fatte in casa e ho sperimentato quelle della Hero! Beh che dire, sanno di buono, di frutta e anche quelle senza zuccheri aggiunti non me le immaginavo cosi gustose!
Ora provate a farle! Poi pensiamo al bis! La ricetta è quella della crostata di parecchio tempo fa, ricetta vincente non si cambia, al massimo si modifica :D 
Ingredienti:

250 g di farina 00 + altra per la spianatoia
50 g di cacao amaro
130 g di burro
100 g di zucchero di canna
2 uova
Un pizzico di sale
Confetture gusti assortiti (io Hero)
Procedimento a mano:
In una ciotola mettete la farina e mescolatela con il cacao, lo zucchero e il sale. Al centro mettete il burro tagliato a pezzi, unite le uova e impastate rapidamente. Rovesciate l’impasto nella spianatoia, formate una palla, avvolgetela nella pellicola e lasciate riposare in frigo per almeno mezz’ora.

Procedimento con il Bimby:
Versate tutti gli ingredienti nel boccale e attivate il bimby a velocità 4 per 1 minuto.  Rovesciate l’impasto nella spianatoia e formate velocemente una palla liscia e soda. Avvolgente con la pellicola e lasciatela riposare in frigo per almeno mezz’ora.
ATTENZIONE: se usate il bimby il burro deve essere freddo e non a temperatura ambiente.
Come si prosegue:
Stendete nella spianatoia infarinata la frolla e con uno stampino rotondo con bordi ondulati (diametro di 6 cm), ricavate tanti dischetti. Usate i ritagli per creare la decorazione da mettere sopra ogni crostatina usando uno stampino a forma di cuore o della forma che preferite. Sistemate ciascun dischetto negli stampi per tartelette, mettete un cucchiaino di confettura e coprite con un cuore. Infornate a 180° per 10 minuti.
Lasciate raffreddare, sformate e servite.
Ecco come ho confezionato le crostatine da regalare J



lunedì 8 febbraio 2016

Chiacchiere di Iginio Massari … ma con il passito

Mi scusi Maestro, mi scusi per aver osato cambiare alcuni ingredienti, ma vede, con un bimbo di 3 anni che non mi da tregua, un lavoro che (odio) mi porta via tutta la mattina e il marito che scappa a lavorare appena arrivo io, se mi viene voglia di provare a cimentarmi nelle sue delizie all’improvviso non ho tempo o modo di andare a fare la spesa come lei comanda! Per tanto, mi scuso ancora, il marsala era finito, l’ultimo goccio era finito al forno con il pesce prima di Natale (si fidi, ricetta di mia madre che è una bomba… la ricetta intendo!) Il passito era lì a portata di mano, potevo lasciare il treenne scorrazzare per casa con i suoi giochi ed io mi sono potuta dedicare a un dolce carnevalesco (festa che detesto ma si sa, per i figli questo e altro). Mi scusi anche per averne fritte pochissime e messo al forno la maggior parte, ma le assicuro, erano una delizia, hanno apprezzato tutti, bambino, marito, madre e colleghi golosi! Quindi, la ringrazio per aver pubblicato il suo fighissimo libro Non solo zucchero (mi pare il vol 2, la ricetta, le confesso, l’ho avuta da una cara amica che ha il suo libro e mi sono documentata nel sito Dissapore) e la ringrazio se mi perdonerà per la mia sfacciataggine.
Con immensa stima
Me!
A voi che passate di qua e vi incuriosiscono queste delizie, dico solo una cosa!
PRO VA TE LE
Fritte sono divine, ma al forno fanno la loro figura, poi sono leggerissime e se le tirate nello spessore giusto si sciolgono in bocca! Tanti suggerimenti utili li ho trovati nel sito Dissapore, spiega benissimo tanti passaggi da non sottovalutare, in tante preparazioni!Nello specifico spiega perché usare una farina "forte", perché l'uso di un alcolico ecc..
Buon carnevale!
Ho usato il tappetino in silicone Pavonidea durante la preparazione.
Ingredienti
500 g di farina 0
60 g di burro
60 g di zucchero
3 uova medie
50 ml di passito
Un pizzico di sale
La scorza di un limone non trattato
Olio di semi di arachidi per friggere
Zucchero a velo (facoltativo)
Procedimento:
In una ciotola versate la farina setacciata e lo zucchero e mescolate, unite il passito, la scorza grattugiata finemente, il burro, le uova e il sale e mescolate nuovamente. Versate l’impasto nella spianatoia e impastate fino a ottenere una palla liscia e soda. Avvolgete nella pellicola e lasciate riposare a temperatura ambiente per mezz'ora.
Prendete un pezzo d’impasto alla volta e tiratelo (con il mattarello se avete tempo e braccia potenti!) con la sfogliatrice. Io prima ho impostato la rotella sul 2, poi 5 e per ultimo sul 7. (le prime le ho fatte sull’8 ma non mi hanno soddisfatto!)
Ricavate dei rettangoli e con la rotella praticate due segni al centro di ciascuno. 
Fate scaldare l’olio e iniziate a friggere le vostre chiacchiere.
Come consigliato, meglio preparare poco per volta le chiacchiere per evitare che si secchi l’impasto nell’attesa di cuocerle.
Io ne ho fritto meno di metà poi ho acceso il forno a 200° e infornato varie volte per 5 minuti al massimo.
Cospargete di zucchero a velo a piacere e servite.
                                                                                                

martedì 5 gennaio 2016

Insalata di finocchi e arance con filetti di tonno e pistacchi

Siamo agli sgoccioli, ormai tutte le feste sono finite, rimane solo quella vecchietta tutta malandata della Befana poi non ci resta che tornare alla “normalità” e soprattutto per chi lo avesse fatto, basta esagerazioni con il cibo. Facciamo i bravi! Iniziamo a depurarci con qualche piatto gustoso ma leggero. Partiamo da un’insalata? È leggera, fresca e gustosa! Iniziamo un po’ per volta e magari ci rifaremo alle prossime feste… :P
Buon pomeriggio!
Tovaglietta Greengate
Ingredienti per 4 persone:
2 finocchi grossi
2 vasetti di filetti di tonno (io Consorcio)
2 arance
Un po’ di pistacchi sgusciati
Sale q.b.

Pepe nero q.b.
Procedimento:
Pulite i finocchi e tagliateli a fettine sottili, pelate a vivo le arance e tagliatele a cubetti.
In un’insalatiera, versate i finocchi e le arance, aggiungete i filetti di tonno spezzettati e condite con i pistacchi, sale e pepe.
Mescolate con delicatezza e servite.
Io non ho aggiunto l’olio, altrimenti che depurazione è? :D