domenica 26 settembre 2010

‘njera, Injera o enjera!!

Qualche giorno fa andando qua e la tra i miei blog preferiti trovo la ricetta dello Zighini nel blog di Sarah e mi sono riaffiorati bellissimi ricordi legati a questo piatto tipico etiopico. Quando vivevo a Roma più di una volta, ho festeggiato il mio compleanno in un ristorante etiopico e qualche volta sono stata li con amici! E’ bellissimo, e divertente. Si può scegliere se mangiare con le mani o con la forchetta, ma vien da se che se mangi injera e zighinì se magna con le mani. Si può mangiare anche in un unico piatto per tutti il tavolo (anche nooo) o piatto individuale!!! L’ultima soluzione è la mia preferita :-P … Insomma appena ho visto la ricetta di Sarah mi è venuta in mente la ricetta del favoloso pane che lo accompagna e ho rispolverato la ricetta. Va detto che l’originale prevede la farina di Teff introvabile in Italia, ma questa ricetta con farine comuni è praticamente quasi uguale. Da quel che ne so la farina di teff si può comprare su Ebay, ma non saprei dirvi di più perché non l’ho mai comprata! Vi metto due ricette.. una è l’orginale ma senza il teff (come detto non si trova) l’altra è una variante Marocchina che mi ha dato una signora che ho conosciuto qualche giorno fa. Pensandoci bene poi, mi sa che nel ristorante dove andavo, l’injera era fatto con la seconda versione (quella della signora marocchina) perché era bianco e con tante bollicine! La differenza?? Quella originale ha un forte sapore acidulo dato dalla lunga lievitazione, l’altro sa più di “mollica”. Io preferisco più la seconda perché non riesco a sopportare il sapore forte dell’”acido”, ma ho deciso comunque di preparare l’originale. Certo che come la fanno loro non la fa nessuno eh!!!


Ingredienti


100 g di farina 00
50 g di semola di grano duro
100 g di farina di mais
5 g di lievito di birra
1 bicchiere di acqua


Procedimento:


Mettete tutti gli ingredienti in una ciotola e lavorateli fino ad ottenere un composto sodo. Fatelo riposare a temperatura ambiente per 2 giorni. Passati i 2 giorni, mettete poco alla volta dell’acqua fino a quando il composto non diventa denso come la pastella per le crepes. Mettete in una padella calda poco impasto alla volta e fatelo raffreddare in un canovaccio. Servire con lo Zighinì.


Seconda versione

Ingredienti

Farina
Sale
Acqua
Olio o Burro

Procedimento.

Impastate la farina con un pizzico di sale e acqua q.b. per ottenere un composto denso come quello delle crepes. Ungete una padella con una noce di burro o un filo di olio e versate poco per volta il composto. Fate raffreddare in un canovaccio. Servite con lo zighinì


17 commenti:

  1. Dopo aver trovato le varie ricette proposte per la 'njera su youtube avevo setacciato la rete per trovare la farina di teff. Ora non sono a casa ma se non ricordo male ero riuscita a trovare qualcosa... Devo controllare sul mio pc.
    Appena a casa linko la tua 'njera da me: bravissima ;)

    RispondiElimina
  2. Non conoscevo assolutamente questa preparazione, ora mi hai messo una curiosità anche con questa strana farina...Su una cosa però mi trovi d'accordissimo: se magna con le maniiiiiiiiii! Altrimenti che gusto c'è! Un bacione, buona domenica

    RispondiElimina
  3. Io invece la conosco, non so se è la stessa, mangiata al ristoranre eritreo. Mi è piaciuta molto.
    Bella ricetta.......Grazie cara.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. @Sarah davvero???? allora aspetto che mi fai sapere dove perchè io non sono mai riuscita a trovarla! unica idea che mi è venuta è vedere alla fiera dell'artigiano a dicembre... :-)

    @Fede SE MAGNA CON LE MANI siiii!!! :-) ma preferisco mangiare nel mio piatto!!! ;-) è buonissimo, prendere un pezzetto di injera per raccogliere lo zighini e mangiare tutto insieme è una goduria..
    la farina di teff è praticamente irreperibile. Mi diceva mio marito che la mamma del suo amico (che era eritrea) aveva sempre da parte i semini di teff, ma credo che se li faceva mandare da qualcuno o gli prendeva lei quando andava da quelle parti. Proverò alla fiera dell'artigiano a dicembre! c'è tutto di tutto il mondo

    @Viola guarda, al rostorante dove sono stata io era più bianca e piena di bolliccine, insapore direi, questa invece è più giallognola(c'è il mais) e acidulea, ha lievitato per 2 giorni.. preferisco quella quasi insapore perchè lo zighini è bello ricco di sapore!! :-)

    RispondiElimina
  5. Debora tento così per veder se sei in linea... sto facendo la tua torta di zucchine
    Un dubbio mi assale: ma il lievito per panificazione è quello di birra ma lo metti subito così e poi metti in forno...non è mica quello chimico tipo pizzaiolo paneangeli?

    RispondiElimina
  6. @Kà io ho usato quello bertolini, quello istantaneo. Se usi quello pane degli angeli devi aggiungerlo alla fine con un cucchiaino di zucchero..

    RispondiElimina
  7. Grazie allora ho fatto giusto spero...ho usato il paneangeli giallo istantaneo...ora è nel a 200°perchè son andata di defoult...incrocio le ditine! Buona serata!Bacione!

    RispondiElimina
  8. bene Kà!!! sono contenta fammi sapere.. comunque ho provato con tutti i lieviti in polvere, il migliore è il bertolini (confezione verde) :-)

    RispondiElimina
  9. Non so! forse mi piace, anche perché a me sono poche le cose che non piacciono( purtroppo ): quando è cotto è molto tenero o è croccantino? di sicuro mi piace il rotolo alla pesca del preced. post!fra un paio d'ore a colazione me ne mangerei una fettina con una bella e fumante tazza di caffè. Ciao e grazie .. a presto

    RispondiElimina
  10. Che pane strano a vederlo... sarei curiosa di provarlo!!!
    Franci

    RispondiElimina
  11. @Mirtilla è tipico etipico/eritreo!!!

    @Paola è molliccoso!!! :-) a me paice più la seconda versione, più delicata, questa nelle foto ha un sapore aciduleo dato dalla lunghissima lievitazione!!! quello che mi fa più impazzire è lo zighini!! mamma che buonoooo... il rotolo l'è finitooooooo!!! :-D

    @Francesca è tipo una crepes ma lievitato!! e senza uova :-)

    RispondiElimina
  12. Allora... Per la farina di teff per il momento ho trovato questo sito: http://www.tobiateff.co.uk/order.htmlVoglio provare a scrivere loro, per capire se c'è la possibilità di spedire in Italia. Nel frattempo continuo la ricerca.
    (mi è venuto in mente che potrei anche provare a cercare negozi a Milano presso cui si riforniscono i ristoranti etiopi...magari si riesce a trovarla...tra l'altro ho scoperto che è fantastica per i celiaci...)

    RispondiElimina
  13. @Sarah si è vero per i celiaci è perfetta... sono sicura che alla fiera dell'artigiano la troverò, mi ricordo l'anno scorso c'era un padiglione intero dedicato all'Africa e all'America del sud, vuoi che abbiano spezie di tutti i tipi e non la farina di teff?? :-D

    RispondiElimina
  14. Che brava! io l'ho provato una volta in un ristorante etiope...era uguale!
    bravissima!!!

    RispondiElimina
  15. Che brava! io l'ho provato una volta in un ristorante etiope...era uguale!
    bravissima!!!

    RispondiElimina
  16. Grazie Terry... è un piacere sapere che vi piacciono le mie ricette

    RispondiElimina

Lasciate un commento come segno del vostro passaggio......