lunedì 28 ottobre 2013

Gnocchi di semola con speck radicchio e zafferano

E dopo 18 mesi a coccolare prima il pancione poi il mio bimbo che ieri ha festeggiato 9 mesi, oggi ritorno (a malincuore) a lavoro, per fortuna per poche ore. A volte (spesso) penso che la vita sia ingiusta e poco ma proprio poco equa con le persone, da troppo ad alcuni e veramente poco ad altri. Voglio scacciare via i brutti pensieri, la tristezza e l’angoscia che da qualche giorno mi accompagna e che solo i sorrisi del mio bambino alleggeriscono tutto. Voglio trovare sempre il tempo e la voglia per continuare a coltivare la mia passione per la cucina, per il blog per me stessa, non prima di aver pensato ovviamente alla mia famiglia. Ecco sarà questo il pensiero che mi porterò in quelle poche ore in un posto che non amo minimamente!
Buona giornata!
Ingredienti per 4 persone:
Per gli gnocchi:
350 g di semola (io Ciao Bio)
1 bicchiere circa di acqua

Per il condimento:
1 cespo di radicchio tondo
Mezzo scalogno
1 bustina di zafferano (io Ariosto)
Olio extra vergine di oliva q.b.
Sale q.b.
Padella DOMO, tappetino in silicone Pavonidea
Procedimento:
In un piano di lavoro, sistemate la semola, poco per volta aggiungete l’acqua e impastate fino a ottenere un impasto liscio e sodo. Lasciatelo riposare 30 minuti coperto da un canovaccio umido.
Prendete un pezzo d’impasto per volta, fate dei salsicciotti e tagliateli a pezzetti, cuoceteli in abbondante acqua salata (la grandezza dei miei gnocchi ha richiesto 35 minuti di cottura).
In una padella con un po’ di olio, rosolate lo scalogno tritato, aggiungete poi lo speck tagliato a listarelle e fatelo insaporire per qualche minuto. Aggiungete il radicchio tagliato a listarelle, mescolate bene, se serve bagnate con un cucchiaio di acqua di cottura degli gnocchi. Proseguite la cottura per 10 minuti.
Aggiungete nel condimento la bustina di zafferano, scolate gli gnocchi e saltateli in padella amalgamando bene. Servite caldo.

16 commenti:

  1. Gli gnocchi con la semola non li ho mai mangiati ma il condimento altro che e già me li immagino... Saranno stati buonissimi!!!

    RispondiElimina
  2. Ciao Debora :) Credo che questi gnocchi siano perfetti per scacciare via ogni tristezza, fanno sorridere solo a guardarli! Vedrai che piano piano vi abituerete, tu e il tuo piccolo, e abbracciarlo e spupazzarlo al ritorno dal lavoro sarà una gioia ancora più grande! Dai, sono poche ore e puoi renderle più leggere pensando a lui e ai piatti che cucinerai! :) Un abbraccio forte forte, buona settimana :**

    RispondiElimina
  3. ciao donna dal nome bellissimo <3
    Capisco la tua ansia ma la vita deve andare secondo i suoi ritmi anche lavorativi, vedrai che ti calmerai presto ^_^
    intanto mi gnafferei volentieri questi cosini qui e invece non posso :'( sigh.....ne immagino la bontà
    bacio e buona settimana

    RispondiElimina
  4. ti sono vicinissima! io ancora non so quando ritornerò a lavorare e non ci voglio pensare.. va bè Ginevra ha solo 3 settimane, il momento è ancora lontano.. ma capisco come ti possa sentire.. forza!! :)
    ottimi questi gnocchi!

    RispondiElimina
  5. Capisco perfettamente quando dici a chi troppo a che niente.. Però dai.. non ci buttiamo giù ok?? Ottimo l'abbinamento di radicchio e speck.. e mi piace l'idea di gnocchi con la semola.. baci e buona settimana :-)

    RispondiElimina
  6. hai ragione non è giusto, ma non sarebbe meglio andare in pensione da giovani mamme e poi lavorare fino a 100 anni !!!!! delizioso questo piatto!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  7. Certo che deve essere dura fare un lavoro che proprio non piace. Per quello sono fortunata, ma pensa che poi a casa ti aspetta il tuo cucciolo.
    Non ho mai fatto gli gnocchi con la semola ma so quanto è buona l'abbinata radicchio e speck quindi immagino quanto sia delizioso questo piatto.

    RispondiElimina
  8. Mi incuriosisce tanto questo condimento!! Lo provero' presto

    RispondiElimina
  9. È sempre faticoso tornare al lavoro, staccarsi, sembra quasi di perdere qualcosa, ma è anche utile a riacquistare un pò della propria "autonomia" dal binomio mamma-figlio, nonostante sia doloroso.

    Ottimi questi gnocchi, è l'impasto che uso di solito per i cavatelli, pensare di realizzarci degli gnocchi mi ha aperto un monco!! :)

    baci

    RispondiElimina
  10. Coraggio Debora!!! Pensa che quando ritorni a casa hai la gioia del tuo bimbo ad aspettarti!!
    Gnocchi meravigliosi..."rubo" la ricetta !!!

    RispondiElimina
  11. Ti capisco bene, pensa che io col bimbo di 4 mesi sono dovuta tornare al lavoro. La mia fortuna è stata che sono rimasta incinta quando Marco aveva 5 mesi e sono tornata in maternità, quindi ho fatto solo un paio di mesi di lavoro. Ma mi intristisce il fatto che che tra qualche mese si ripeterà il rientro al lavoro e stavolta ne dovrò lasciare due! La vita deve continuare e noi dobbiamo trovare sempre nuovi equilibri. Io lo raggiungerei volentieri attorno a questo piatto buonissimo il mio equilibrio ;)
    Un bacio grande grande Tata

    RispondiElimina
  12. Grazie ragazze!! Per me è dura soprattutto perchè faccio un lavoro che non amo! LO so che è la vita, che ci si deve staccare dai figli perchè si deve lavorare ecc.. ma quando si aggiunge anche il fatto che devi andare dove non ti piace, pesa 100 volte di più! :(

    RispondiElimina
  13. Buon lavoro Debora! ti capisco bene, e mi sembra stranissimo che il tuo pupetto abbia già 9 esi...come vola il tempo! mai fatti gli gnocchi di semola, tulimamente non ti sto dietro, una ricetta più buona dell'altra!

    RispondiElimina
  14. wow..che bontà! Da provare sicuramente! Complimenti..passa dal mio blog quando vuoi e lascia un commento se gradisci qualche ricetta, anche di cucina siciliana.. reginedellacucina.blogspot.it :)

    RispondiElimina

Lasciate un commento come segno del vostro passaggio......