sabato 15 febbraio 2014

Strudel salato con ricotta di pecora e cavolo nero con fonduta leggera al parmigiano

Tovaglietta di GreenGate
Ecco qui, rapita anche da questo MTC dedicato allo strudel in versione dolce e salata che accontenta i gusti di tutti. Inizio con uno strudel salato, proseguirò con il dolce per tornare probabilmente al salato, perciò preparatevi ;)
Inizio a precisare che per me lo strudel salato era al forno! Solo ed esclusivamente al forno, questa perciò è la dimostrazione pratica e teorica che c’è sempre da imparare e che da un “giochino” si imparano mille cose, mille sfaccettature, mille versioni di uno stesso piatto (poveri poveriii poveriii chi deve commentare e “ispezionare” tutte le ricette che sono arrivate e che arriveranno per MTC di questo mese… Che la forza di volontà e la pazienza sia con voi :P
Con affetto Tata Deb's
Io intanto affetto un altro pezzo di strudel! Bye bye! :)
Ingredienti: (ho usato la ricetta di Mari raddoppiando le dosi)
Per la sfoglia:
300 g di farina 00
100 ml di acqua
2 cucchiai colmi di olio extra vergine di oliva
2 pizzichi di sale

Per il ripieno:
500 g di cavolo nero (peso a crudo)
400 g di ricotta di pecora
Sale e pepe q.b.
Un cucchiaio di olio extra vergine di oliva

Per la fonduta:
30 g di burro
50 g di latte
40 g di parmigiano grattugiato
Pepe nero macinato
Tappetino in silicone Pavonidea
Procedimento:
Pulite le foglie del cavolo nero e fate cuocere in abbondante acqua leggermente salata e mettete la ricotta in uno scolapasta per eliminare il siero in eccesso.
Preparate la sfoglia scaldando l’acqua e versandola poco per volta alla farina setacciata mescolata al sale e l’olio. Impasta per qualche minuto e lasciatelo riposare per mezz’ora coperto con la pellicola. Mettete a bollire abbondante acqua in un tegame abbastanza grande da contenere lo strudel.
Tritate grossolanamente il cavolo scolato e lasciato raffreddare, mescolate con la ricotta e condite con un pizzico di sale e pepe, aggiungete un filo di olio e mescolate nuovamente. Stendete l’impasto sopra un canovaccio bianco con un mattarello ottenendo una sfoglia di circa 2 mm. Versate sopra il ripieno spalmandolo bene in tutta la superficie e arrotolate la sfoglia, chiudete le estremità piegandole su se stesse a premendo leggermente, avvolgete tutto nel canovaccio, chiudete le estremità con dello spago da cucina e fate cuocere per 30 minuti nell’acqua portata a bollore. In un pentolino fate sciogliere il burro, aggiungete il latte, il parmigiano e il pepe e girate per qualche minuto fino a farla addensare. Togliete lo strudel dall’acqua e eliminate il canovaccio, tagliate a fette e servite con la fonduta di parmigiano.


16 commenti:

  1. questa foto dice una cosa: mangiamiiiiiiiiii
    brava tatinaaaaa
    bacio

    RispondiElimina
  2. ok mi autoinvito :P Baciiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

    RispondiElimina
  3. Buonissimo mia cara Deb!!!!! sai che oggi ho finalmente trovato sto benedetto cavolo nero che cercavo da mesi??? Non conosco il suo sapore... spero sia ottimo aahaha smackkkkk

    RispondiElimina
  4. Oltre che buono è anche bellissimo!!!
    A me vengono solo pasticci....bravissima!

    RispondiElimina
  5. Non avevo mai pensato di poter cuocere uno strudel nell'acqua bollente. Oggi venendo qui ho imparato una cosa nuova da provare

    RispondiElimina
  6. che idea deb....da provare!!! bello per una cena si presenta proprio bene...poi parliamoci chiaro....puoi prepararlo in anticipo ed è una cosa meravigliosaaaaa ;P bacioni

    RispondiElimina
  7. i sapori sono nelle mie corde e anche la foto mi piace molto, i colori sono bellissimi

    RispondiElimina
  8. Ah si', questo mi convince proprio! Sapori che si sposano benissimo. Bravissima!

    RispondiElimina
  9. con il cavolo nero mi conquisti, meraviglioso! anche per me lo strudel era solo al forno..dovrò ricredermi!

    RispondiElimina
  10. Cara Debora, mi fa molto piacere che grazie alla mia proposta tu abbia scoperto un modo nuovo di cottura per lo strudel. E poi ti ringrazio davvero per questa tua versione salata, hai utilizzato ingredienti semplici ma di primissima qualità dimostrando che a volte bastano pochi ingredienti sapientemente scelti ed accostati per far nascere una splendida ricetta. La ricotta di pecora con il cavolo nero secondo me ci sta benissimo e quella fondutina al parmigiano riesce a dare sapore esaltando tutto l'insieme.
    Grazie mille per questa tua proposta e allora aspetto anche la versione dolce :)
    Mari

    RispondiElimina
  11. ...mannaggia ho appena terminato la scorta di cavolonero, immolata per una ribollita!

    Però così mi ispirava e come di utilizzarlo!

    baci

    RispondiElimina
  12. ciao...seguo il tuo blog gia da un bel po...io sono l amministratrice del blog:
    http://cottoespazzolato.blogspot.it/
    da poco ho dovuto cambiare l url al blog quindi sicuramente non riceverai i miei post nella bacheca...se ti fa piacere riceverli cancellati dal mio sito e riiscriverti...per cancellarti basta che vai sul riquadro dei miei lettori fissi e accedi al mio blog con il tuo username e password...poi sempre dal riquadro dei miei lettori fissi clicchi su la freccia vicini opzioni,poi su impostazioni sito e poi su "non seguire questo blog". dopo di che ti dovresti riiscriverti al mio blog...ne sarei molto onorata...grazie mille...

    RispondiElimina
  13. E' vero, ho imparato e sto imparando tante anche io, per questo ritorno con piacere!
    Buonissimo il tuo strudel salato

    RispondiElimina
  14. Hai ragione anche io non l'ho mai fatto bollito in un canovaccio meraviglia

    RispondiElimina

Lasciate un commento come segno del vostro passaggio......