lunedì 24 agosto 2015

Panini con lievito madre pomodorini e olive

Mi ritorna in mente una vecchia canzone dei lontani anni ’80 dei Righeira che dice “l’estate sta finendo e un anno se ne va…”. E’ un po’ malinconica da leggere cosi, però vedendo le giornate più fresche e le ferie ormai dimenticate, mi sembra perfetta. Perfetta come una giornata (anche due) passate a impastare e infornare, come se non ci fosse un domani, come a voler rincominciare a percorrere una strada abbandonata temporaneamente per stanchezza e per il caldo. Bene, iniziamo, accendiamo il forno per rincominciare.
Il pane, il lievito madre, il profumo di buono. Cosi inizio e cosi proseguirò. Una fetta di pane e una di salame, magari strolghino di culatello di Terre Ducali che in ogni confezione regala un biglietto per un ingresso in uno dei parchi di Mondo Parchi. Così tra un giorno di lavoro e uno passato a casa ne dedichiamo uno al divertimento!
Alla prossima!

Ringrazio Antonietta per avermi regalato il lievito madre, il mio era passato a miglior vita dopo un fantastico periodo di gioie e panificazioni. 

Tovagliette di Greengate
Ingredienti:
80 g di lievito madre rinfrescato*
600 g di farina 0
300 ml di acqua
10 g di sale fine
100 g di olive taggiasche (peso snocciolate)
200 g di pomodorini datterino
Origano e sale q.b.


*se usate il lievito di birra ne basteranno 7 g
Procedimento:
Con la planetaria:
Mettere il lievito nella ciotola della planetaria con l’acqua e la farina mescolata in precedenza con il sale, azionate e lasciate in funzione fino a quando l’impasto sarà liscio e ben lavorato. Mettete in una ciotola, coprite e lasciate lievitare fino a quando raddoppia di volume (i tempi potrebbero variare in base alla forza del vostro lievito e dalle temperature, io l’ho fatto la sera prima di andare a dormire e l’ho lasciato fino al mattino seguente)

A mano:
In una spianatoia sistemate a fontana la farina con il sale. Al centro, mettete l’acqua e il lievito madre (se preferite scioglietelo nell’acqua) e iniziate a impastare fino a quando l’impasto sarà liscio. Fate lievitare come indicato per il procedimento con la planetaria.

Lavate e asciugate i pomodorini, divideteli a metà e privateli dei semi. Sistemateli in una teglia da forno e condite con abbondante origano e sale quanto basta.
Infornate a 200° nella parte più alta del forno per 15 minuti circa. (devono arrostirsi e non bruciarsi quindi regolatevi in base al vostro forno).

Quando l’impasto avrà raddoppiato il suo volume, rimettetelo nella planetaria (o nella spianatoia) e impastatelo nuovamente aggiungendo i pomodorini e le olive tagliate a rondelle.
Formate delle palline grosse come pesche e lasciate lievitare fino a quando raddoppia di volume.
Infornate a 190° per 40 minuti o a doratura desiderata.

NOTE: usando la planetaria o il bimby, i pomodori e le olive si spezzettano, a mano invece restano intatti, perciò se preferite pezzi piccoli, dovete tritare a coltello sia pomodorini sia olive.



2 commenti:

  1. Oddio.... mi sono persa dentro quel pane e anche dentro quel salame... aspetta che voglio ri-perdermi ancora un po'...

    RispondiElimina
  2. Ci sei ancora, che bello.. dopo un anno di assenza ritorno a sbirciare tra le cucine delle amiche. Felice di ritrovarti ancora.. cucciolo? che mi dici?

    RispondiElimina

Lasciate un commento come segno del vostro passaggio......