lunedì 8 febbraio 2016

Chiacchiere di Iginio Massari … ma con il passito

Mi scusi Maestro, mi scusi per aver osato cambiare alcuni ingredienti, ma vede, con un bimbo di 3 anni che non mi da tregua, un lavoro che (odio) mi porta via tutta la mattina e il marito che scappa a lavorare appena arrivo io, se mi viene voglia di provare a cimentarmi nelle sue delizie all’improvviso non ho tempo o modo di andare a fare la spesa come lei comanda! Per tanto, mi scuso ancora, il marsala era finito, l’ultimo goccio era finito al forno con il pesce prima di Natale (si fidi, ricetta di mia madre che è una bomba… la ricetta intendo!) Il passito era lì a portata di mano, potevo lasciare il treenne scorrazzare per casa con i suoi giochi ed io mi sono potuta dedicare a un dolce carnevalesco (festa che detesto ma si sa, per i figli questo e altro). Mi scusi anche per averne fritte pochissime e messo al forno la maggior parte, ma le assicuro, erano una delizia, hanno apprezzato tutti, bambino, marito, madre e colleghi golosi! Quindi, la ringrazio per aver pubblicato il suo fighissimo libro Non solo zucchero (mi pare il vol 2, la ricetta, le confesso, l’ho avuta da una cara amica che ha il suo libro e mi sono documentata nel sito Dissapore) e la ringrazio se mi perdonerà per la mia sfacciataggine.
Con immensa stima
Me!
A voi che passate di qua e vi incuriosiscono queste delizie, dico solo una cosa!
PRO VA TE LE
Fritte sono divine, ma al forno fanno la loro figura, poi sono leggerissime e se le tirate nello spessore giusto si sciolgono in bocca! Tanti suggerimenti utili li ho trovati nel sito Dissapore, spiega benissimo tanti passaggi da non sottovalutare, in tante preparazioni!Nello specifico spiega perché usare una farina "forte", perché l'uso di un alcolico ecc..
Buon carnevale!
Ho usato il tappetino in silicone Pavonidea durante la preparazione.
Ingredienti
500 g di farina 0
60 g di burro
60 g di zucchero
3 uova medie
50 ml di passito
Un pizzico di sale
La scorza di un limone non trattato
Olio di semi di arachidi per friggere
Zucchero a velo (facoltativo)
Procedimento:
In una ciotola versate la farina setacciata e lo zucchero e mescolate, unite il passito, la scorza grattugiata finemente, il burro, le uova e il sale e mescolate nuovamente. Versate l’impasto nella spianatoia e impastate fino a ottenere una palla liscia e soda. Avvolgete nella pellicola e lasciate riposare a temperatura ambiente per mezz'ora.
Prendete un pezzo d’impasto alla volta e tiratelo (con il mattarello se avete tempo e braccia potenti!) con la sfogliatrice. Io prima ho impostato la rotella sul 2, poi 5 e per ultimo sul 7. (le prime le ho fatte sull’8 ma non mi hanno soddisfatto!)
Ricavate dei rettangoli e con la rotella praticate due segni al centro di ciascuno. 
Fate scaldare l’olio e iniziate a friggere le vostre chiacchiere.
Come consigliato, meglio preparare poco per volta le chiacchiere per evitare che si secchi l’impasto nell’attesa di cuocerle.
Io ne ho fritto meno di metà poi ho acceso il forno a 200° e infornato varie volte per 5 minuti al massimo.
Cospargete di zucchero a velo a piacere e servite.
                                                                                                

4 commenti:

  1. io voglio chiacchierare bene ma se mangio le chiacchiere ho la bocca piena ... allora si e meglio avere la bocca piena di chiacchiere ^__^
    lia

    RispondiElimina
  2. si sicuramente le proverò col passito, io metto sempre la grappa e proverò anche questa golosa versione! baci

    RispondiElimina
  3. Che spettacolo con il passito, hai avuto una bellissima idea! E poi... il maestro perdonerà, sono certa ;-)

    RispondiElimina

Lasciate un commento come segno del vostro passaggio......